Pagina:Le rime di Lorenzo Stecchetti.djvu/495

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

adjecta. 463


     la natura così malvolontieri
dai notturni riposi uscir parea
semi velata dai vapor leggeri
20che lenta l’aura del mattin movea,
ma poi ridesta e de’ color primieri
rifiorendo col dì, tutta fremea
in un gaudio fecondo, in una ebbrezza
24di gioventù, d’amore e di bellezza.

     Non sgomentati del cavallo ai passi
l’inno di gioia ripetean gli augelli.
Pareano susurrar tra l’erbe e i sassi
28giocondi epitalami anche i ruscelli
e i caprifogli penduli dai massi,
scotendo i rami a guisa di capelli,
gocciavan perle di sottil rugiada
32sulle nozze de’ fior lungo la strada.

     Nel tripudio d’amor ringiovanita
la natura parca tutto un giardino
che vaporasse tepida e squisita
36la fragranza de’ fiori al ciel turchino,
sì che pien di desìo, gonfio di vita,
s’apriva il chiuso cor del Paladino
e conquisa cedea l’anima fiera
40alle lusinghe della primavera.