Pagina:Le rime di Lorenzo Stecchetti.djvu/530

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
498 adjecta.

NEL CINQVANTESIMO QVARTO ANNIVERSARIO

DELLA MIA VENVTA AL MONDO

QVESTI DVE SONETTI

A ME STESSO

BENE AVGVRANDO

OFFRO

I.


     In alto, in alto, de le bianche stelle
per la divina e scintillante via,
sopra i venti, le nubi e le procelle,
4in alto, in alto ascendi, anima mia.

     Gitta il carico reo d’ossa e di pelle,
vesta di tradimento e di bugìa,
poichè col latte de le sue mammelle
8te la incorrotta Verità nudrìa.

     E sali e sali nell’azzurro immenso
dove il sol non ha più forza e governo,
11dove nulla è finito e nulla è denso;

     e nel salir del tramite superno,
l’immortale vedrai, negato al senso,
14splendor della Giustizia e il Vero eterno.