Pagina:Le rivelazioni impunitarie di Costanza Vaccari-Diotallevi.djvu/166

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 164 —

verità son pronta fare, siccome promisi nel mio interrogatorio, che sostenni dopo ammessa alla impunità, diretto ad ottenere una spiegazione sommaria delle cose articolate. Quindi dirò a V. S. che mali maggiori esistono di quelli scritti nel mio Rivelo sul personale settario, ossia Partito piemontese, mentre nulla si è lasciato intentato perchè questo Partito cresca a dismisura onde ottenere l’intento. Han messe le mani da per tutto, e fra le cose più importanti stava quella di guastare la testa a tutti i giovani studenti per formarsi un personale che potesse imporre con una influenza senza pari. Rese così affiliate alla setta le persone che dovevan essere un giorno all’esercizio di alte posizioni sociali, n’è derivato un influentismo, una dissoluzione, un mal’essere da figurare irreparabile. Nè qui solo ha estesa la sua dominazione; anche sugli impiegati, e si è accostato a toccare le vesti di personaggi distinti in alto grado.

Sono io adunque disposta a manifestare il tutto senza alcun ritegno, ma non vorrei poi che questa mia sincera manifestazione dovesse ricadere con acerbe vendette sopra di me. Io, adempio al mio dovere, e sta poi alla superiorità di garantirmi, di adoperare queste notizie a quell’uso che crederà di ragione, ma con quella prudenza che necessariamente è dovuta in cose di tanto rilievo.

E qui prima di venire al dettaglio personale, converrà pure premettere che ogni individuo del. Partito piemontese il quale cuopra un posto io qualunque dicastero pontificio, è tenuto di riferir minutamente ciò che il governo ordina, così tutto quello che si dice dai respettivi superiori e colleghi, e mandare anche copie di scritti che possono riguardare gli interessi del Partito ec. Gl’impiegati di polizia sono tenuti avvisare se viene dato alcun ordine di arresto,; se vi sono denuncie od accuse contro persone del Partito, e così manifestare i denunciatori, e gli andamenti d’ufficio. Quelli addetti ai passaporti devono ragguagliare sugli arrivi e partenze, sui luoghi di provenienza e di direzione, concorrere a Servire la sorveglianza che.tiene la setta. Vi