Pagina:Le rivelazioni impunitarie di Costanza Vaccari-Diotallevi.djvu/190

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 188 —

queste e con altre simili persuasive, fra le quali una esposizione la più lusinghiera di una grande generale utilità nell’unione e libertà d’Italia, vedeva e faceva crescere questa nuova forma di associazione, che apostolava per sè stesso con le persone più alte, e che faceva apostolare da persone da esso scelte, che avevano gustati i di lui intendimenti. Uno degli ostacoli forse maggiore, per quanto io seppi, era quello di ridurre al proprio intendimento quelli della setta Carbonica, mentre i modi prudenziali con i quali allora si cercava di ottenere l’intento, non sembrava a questi che fossero di una riuscita; ma seppi poi che sotto una certa condizione, si associò anche la Carboneria, a condizione, se mal non ricordo, che avrebbero questi coadiuvato il Partito piemontese fino al punto di ottenere lo scopo che, si era prefisso, con che però, questo ottenuto, fosse nella facoltà e libertà la Carboneria di avere un’azione da veruno, impedibile per proseguire ed arrivare a quello scopo cui mirano fin da antichissimo tempo. Seppi pure che lo stesso Giuseppe Mazzini aveva dato ordine alle sue dipendenze di piegarsi e di unirsi all’intendimento del Partito piemontese, mentre se si fosse mantenuta la parola dal Re di Savoia sarebbero potuti giungere colla rivoluzione fino ad un punto dove il desiderio non poteva non essere comune.1 Le cose si videro crescere senza però che si andasse a verificare quel tanto dichiarato di non doversi praticare forme settarie, nè segretumi, nè convegni ec2 mentre s’istituì un Comitato in Roma che si chiamò Nazionale Romano, se ne pose a capo il Migliorati e chiamò a’ suoi membri coadiutori il principe .... Gabrielli, il duca Fiano, il principe Piombino, di cui non ricordo il nome, però quella al quale vengono trattati gli affari dall’Agronomo Giuseppe

  1. Quante belle cose aveva dimenticato di sapere questa donna, che, avendo nel 62, secondo risulta in processo, 22 anni, nel 1858, ultimo della residenza del Migliorati in, Roma, non ne aveva che 18! Ed era ancora nubile! E non era stato ammessa, secondo lei, nel Partito, che nel 1860!

    C. N. R.

  2. E aveva dimenticato di sapere pur questo? Propriamente non aveva bene inie&o l’ispirazione! Il povero dottore Eucherio sarebbe stato disperato di uon trovare la setta!

    C. N. R.