Pagina:Leonardo prosatore.djvu/110

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
106


dalla prospettiva; e se sarà accompagnato, e’ ti mancherà l’ordine delle dimostrazion geometriche e l’ordine delle calculazion delle forze e valimento de’ muscoli; e forse ti mancherà la pazienza, se tu non sarai diligente.

Delle quali, se in me tutte queste cose sono state no, centoventi libri da me composti ne daran sentenzia del sì o del no, nelli quali non sono stato impedito nè d’avarizia o negligenzia, ma sol dal tempo. Vale.

Vantaggi del disegno negli studi anatomici.

... io ti ricordo che tu non t’impanchi colle parole se non di parlare con orbi, o se pur tu voi dimostrar con parole alli orecchi e non all’occhi delli omini, parla di cose di sustanzie o di nature1, o non t’impacciare di cose appartenenti alli occhi col farle passare per li orecchi, perchè sarai superato di gran lungo dall’opera del pictore.

Con quali lettere descriverrai questo core che tu non empia un libro? e quanto più lungamente scriverrai alla minuta, tanto più confonderai la mente dello alditore e sempre arai bisognio di sponitori o di ritornare alla sperienzia, la quale in voi è brevissima e dà notizia di poche cose rispetto al tutto del subbietto di che desideri integral notizia2.

  1. Dell’essenza delle cose, ossia di Metafisica.
  2. Si dissettava un cadavere o due all’anno nelle Università più famose!