Pagina:Leonardo prosatore.djvu/138

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
134


schiumosa nebbia, la quale, ripercossa dai venti nelle sponde de’ promontorii, genera oscuri nuvoli, li quali si fan preda del vento suo vincitore.

Differenza tra Pittura e Poesia.

Tal proporzione è dall’immaginazione all’effetto, qual’è dall’ombra al corpo ombroso, e la medesima proporzione è dalla Poesia alla Pittura, perchè la Poesia pon le sue cose nell’immaginazione del lettore, e la Pittura le dà realmente fori dell’occhio, dal quale occhio riceve le similitudini non altrimente che s’elle fussino naturali; e la Poesia le dà senza essa similitudine, e non passano all’impressiva1 per la via della virtù visiva come la Pittura.

La Pittura rappresenta al senso con più verità e certezza le opere di natura, che non fanno le parole o le lettere, ma le lettere rappresentano con più verità le parole, che non fa la Pittura; ma diremo essere più mirabile quella scienzia che rappresenta l’opere di natura, che quella che rappresenta l’opere dell’operatore, cioè l’opere degli uomini, che sono le parole, com’è la Poesia e simili, che passano per la umana lingua.

Se tu, poeta, figurerai la sanguinosa battaglia, mista con la oscura e tenebrosa aria, mediante il

  1. Comprensione.