Pagina:Leonardo prosatore.djvu/147

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
143


lori, e ornato di vestimenti come a lui piace, ed è l’abitazione sua piena di vaghe pitture e pulita, ed accompagnato spesse volte di musiche, o lettori di varie e belle opere, le quali, sanza strepito di martelli o altro rumore misto, sono con gran piacere udite.


La Pittura è di maggior discorso mentale e di maggiore artificio e meraviglia che la Scoltura, perciochè necessità costringe la mente del pittore a trasmutarsi nella propria mente di natura, e che sia interprete infra essa natura e l’arte1, comentando con quella le cause delle sue dimostrazioni costrette dalla sua legge2, e in che modo le similitudini delli obietti3 circostanti all’occhio concorrino colli veri simulacri alla popilla dell’occhio, e infra gli obietti eguali in grandezza quale si dimostrerà più o meno oscuro o più o meno chiaro, e infra le cose di eguale bassezza quale si dimostrerà più o men bassa, e di quelle che sono poste in altezza eguale, quale si dimostrerà più o men alta, e delli obbietti eguali posti in varie distanzie perchè si dimostreranno men noti l’un che l’altro. E tale arte abbraccia e restringe in se tutte le cose visibili, il che far non può la povertà della Scoltura, cioè : li colori di tutte le cose e loro diminuzioni; questa

  1. Sottintende: lo dimostra.
  2. Spiegando con essa mente le cause e leggi dei fenomeni naturali.
  3. Le immagini.