Pagina:Leonardo prosatore.djvu/206

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
202


Altri farai gridanti colla bocca isbarrata e fuggenti; fara’ molte sorte d’arme in fra i piedi de’ combattitori come scudi rotti, lance, spade rotte e altre simili cose; farai omini morti, alcuni ricoperti mezzi dalla polvere, altri tutti; la polvere che si mischia coll’uscito sangue convertirsi in rosso fango, e vedere il sangue del su’ colore1 correre con torto corso dal corpo alla polvere; altri morendo strigniere i denti, stravolgere gli occhi, strigniere le pugna alla persona, e le gambe storte.

Potrebbesi vedere alcuno disarmato e abbattuto dal nimico volgersi a esso nimico, co’ morsi e graffi fare crudele e aspra vendetta; potresti vedere alcuno cavallo leggero correre co’ crini sparsi al vento, correre in fra i nemici e co’ piedi fare molto danno; vederesti alcuno stropiato, caduto in terra, farsi copritura col suo scudo, e ’l nimico, chinato in basso, fare forza per dare morte a quello.

Potrebbesi vedere molti omini caduti in un gruppo sopra un caval morto. Vederai alcuni vincitori lasciare il combattere e uscire dalla moltitudine nettandosi co’ le due mani li occhi e le guancie ricoperti di fango, fatto dal lagrimare degli occhi per l’amor2 della polvere.

Vederesti le squadre del soccorso stare pien di speranza e sospetto, co’ le ciglia aguzze, facendo a quelle ombra colle mani, e riguardare infra la folta e confusa caligine per essere attenti al comando

  1. Non mischiato come prima, ma schietto.
  2. Causa.