Pagina:Leonardo prosatore.djvu/244

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
240


degli alberi, ancora che da te sieno equalmente distanti, una medesima qualità di verde. Così, dicendo de’ prati come delle piante e altre qualità di terrami e sassi e pedali delle predette piante, varia sempre, perchè la natura è variabile in infinito; non che nelle spezie, ma nelle medesime piante trovarà vari colori, cioè nelle vimene son più belle e maggiori le foglie che negli altri rami, e è tanto dilettevole natura e copiosa nel variare, che infra li alberi della medesima natura non si trovarebbe una pianta ch’appresso somigliassi all’altra, e non che le piante, ma li rami, o foglie, o frutti di quelle non si troverà uno che precisamente somigli a ’n altro; sì che abbi tu avvertenzia e varia quanto più puoi.

Del figurare l’inverno.

Li paesi facti nella figurazione del verno non debbono dimostrare le sue montagnie azzurre come si vede alle montagnie della state, e questo si prova per la quarta di questo1 che dicie: in fra le montagne vedute in lunga distanzia quella si dimostrerà di colore più azzurro la qual fia in sè più oscura; adunque essendo le piante spogliate delle lor foglie, si dimostran di color berrettino, essendo che le foglie son di color verde; e tanto quanto il verde è più oscuro che il berrettino, tanto si mostrerà più azzurro il verde che il berrettino, e per

  1. Sottintende: regola dell’argomento che sto trattando.