Pagina:Leonardo prosatore.djvu/309

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

305


Lusinghe over soie.

La serena sì dolcemente canta, che addormenta i marinari, e essa monta sopra i navili, e occide li addormentati marinari.


Prudenza.

La formica, per naturale consiglio, provvede la state per lo verno, uccidendo le raccolte semenza, perchè non rinaschino; e di quelle al tempo si pascono.


Pazzia.

Il bo salvatico, avendo in odio il colore rosso, i cacciatori vestan di rosso il pedal d’una pianta, e esso bo corre a quella, e con gran furia v’inchioda le corna, onde i cacciatori l’occidano.


Verità.

Benchè le pernici rubino l’ova l’una all’altra, non di meno i figlioli, nati d’esse ova, sempre ritornano alla lor vera madre.