Pagina:Leonardo prosatore.djvu/326

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
322



Delle chiese e abitazion de’ frati.

Assai saranno, che lascieranno li esercizi e le fatiche e povertà di vita e di roba, e andranno abitare nelle ricchezze e trionfanti edilizi, mostrando questo esser il mezzo di farsi amico a Dio.


V. - LE PROFEZIE DEI COSTUMI.

Dello sgomberare l’Ognissanti.

Molti abbandoneranno le propie abitazioni, e porteran con seco e sua valsenti, e andranno abitare in altri paesi.


Delli omini che dorman nell’asse d’albero.

Li omini dormiranno, e mangeranno, e abiteranno infra li alberi, nati nelle selve e campagne.


I medici che vivan de’ malati.

Verranno li omini in tanta viltà, che aran di grazia che altri trionfi sopra i lor mali, over della perduta lor vera ricchezza — cioè la sanità.