Pagina:Leopardi, Giacomo – Canti, 1938 – BEIC 1857225.djvu/156

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


CANTI circondando, sotterra si rifugge. Cosi di mille mali i miseri mortali volgo fiero e diverso agita e strugge. Ma per sentenza mia, uom saggio e sciolto dal comune errore patir non sosterria, né porrebbe al dolore ed al mal proprio suo cotanto amore.