Pagina:Leopardi, Giacomo – Canti, 1938 – BEIC 1857225.djvu/271

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


NOTA 265 avendo veduto il fatto ( « avendo veduto il fatto, si può dire, cogli occhi propri »), che è nell’autografo, ma non comparve in nessuna edizione. Di queste rettificazioni, le più ovvie sono già tutte regi¬ strate dal Moroncini. Sono questi gli autentici errori della «Starita corretta», che invece in altri punti dev’essere seguita più fedelmente di quanto non abbia fatto il Moroncini. In IV, 28 bisogna lasciare in fondo al verso la virgola che c’è in tutte le edizioni curate dal Leopardi e in quella del 1845: non è lo stesso, infatti, dire: «(nefando stile Di schiatta ignava e finta)», oppure: «(nefando stile, Di schiatta ignava e finta)», giacché nel secondo caso la virgola indica come una sottintesa ripetizione della parola stile, che dà molta più energia all’espressione. In Vili, 43 va mantenuta la virgola di « trepido, errante», che non è mai stata tolta. In XIII, 20 è da conservare, anche se non fu accolta dal Ranieri nell’edizione del 1845, la le¬ zione della Starita, che pone la virgola dopo già. Il significato è: non io, certo, per quel ch’io ne speri, ti ricorro al pensiero; e ch'io speri è parentetico, come in XVII, 30 ch’io creda (« Non ti vedrò, ch’io creda, Un’altra volta».). La variante dei Versi e dell’edizione Piatti («non io certo giammai Ti ricorro al pensiero») è una nuova conferma di quest’interpretazione. E poi, il nesso sintattico «non già ch’io speri» non è leopardiano. In XXVI, 11 sta benissimo propio, che l’autorità di scrittori classici citati dal Leopardi potrebbe confermare, ma è giustificato sopratutto dal desiderio di evitare una cacofonia intollerabile come « il sentir proprio sprona». Il Moroncini stampò proprio, seguendo l’esempio del Ranieri, qui e in XXXV, 1, dove evidentemente la cacofonia non c’era; senonché tutt’e due le volte gli parve di prendersi una libertà, e non riusciva a intendere come mai nell’edizione del 1906 il Mestica mettesse la prima volta propio e la seconda proprio (0. Ma di XXXV nella «Starita corretta» c’è, oltre al testo stam¬ pato, anche una copia di mano del Ranieri, subito dopo la Gine¬ stra, e nello stesso fascicolo: posteriore alla stampa, è logico che questa copia rimedi a eventuali errori od omissioni; e infatti al v. 1 vi si legge proprio, e al v. 3 c’è un trattino, il quale separa opportunamente la risposta della foglia dalla domanda che precede. In X, 35 e in XXXVIII, 11 è meglio non aggiungere la virgola (1) Moroncini, p. lxxxiii.