Pagina:Leopardi - Canti, Piatti, Firenze 1831.djvu/133

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

canto xviii. 127


Qual fui! quanto dissimile
Da quel che tanto ardore,
Che sì beato errore
Nutrì ne l’alma un dì!
     45La rondinella vigile,
A le fenestre intorno
Cantando al novo giorno,
Il cor non mi ferì:

Non a l’autunno pallido
50In solitaria villa,
La vespertina squilla,
Il fuggitivo Sol.
     Invan brillare il vespero
Vidi per muto calle;
55Invan sonò la valle
Del flebile usignol.

     E voi, pupille tenere,
Sguardi furtivi, erranti,
Voi de’ gentili amanti
60Primo, immortale amor,
     Ed a la mano offertami
Candida ignuda mano;
Foste voi pure invano
Al duro mio sopor.