Pagina:Leopardi - Canti, Piatti, Firenze 1831.djvu/134

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
128 canto xviii.


65D’ogni dolcezza vedovo,
Tristo; ma non turbato,
Ma placido il mio stato,
Il volto era seren.
     Desiderato il termine
70Avrei del viver mio;
Ma spento era il desio
Ne lo spossato sen.

     Qual de l’età decrepita
L’avanzo ignudo e vile,
75Io conducea l’aprile
De gli anni miei così:
     Così quegl’ineffabili
Giorni, o mio cor, traevi,
Che si fugaci e brevi
80Il cielo a noi sortì.

Chi da la grave, immemore
Quiete or mi ridesta?
Che virtù nova è questa,
Questa che sento in me?
85Moti soavi, immagini,
Palpiti, error beato,
Per sempre a voi negato
Questo mio cor non è?