Pagina:Leopardi - Operette morali, Gentile, 1918.djvu/208

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


144 - peggio, si ridono del suo progresso. Intanto molti ingegni mediocri, forse in parte aiutandosi dei pensieri e delle sco¬ perte di quel sommo, ma principalmente per mezzo degl studi propri, fanno congiuntamente un passo; nel che per 5 la brevità dello spazio, cioè per la poca novità delle sen tenze, ed anche per la moltitudine di quelli che ne sonc autori, in capo di qualche anno, sono seguitati universal¬ mente. Cosi, procedendo, giusta il consueto, a poco a poco e per opera ad esempio di altri intelletti mediocri, gli 10 uomini compiono finalmente il decimo passo; e le sentenze di quel sommo sono comunemente accettate per vere in tutte le nazioni civili. Ma esso, già spento da gran tempo, non acquista pure per tal successo una tarda e intempestiva riputazione ; parte per essere già mancata la sua memoria, 15 o perché l’opinione ingiusta avuta di lui mentre visse, con fermata dalla lunga consuetudine, prevale a ogni altro rispetto parte perché gli uomini non sono venuti a questo grado d cognizioni per opera sua; e parte perché già nel sapere gli sono uguali, presto lo sormonteranno, e forse gli sonc 20 superiori anche al presente, per essersi potute colla lun ghezza del tempo dimostrare e dichiarare meglio le verità immaginate da lui, ridurre le sue congetture a certezza, dare ordine e forma migliore a' suoi trovati, e quasi matu rarli. Se non che forse qualcuno degli studiosi, riandando 25 le memorie dei tempi addietro, considerate le opinioni di quel grande, e messe a riscontro con quelle de’ suoi posteri, 8 A Coti — 9 AM d* altri — 10 A patto, — 12 A etto — 14 A ripu¬ tazione, — 15 AMF la — 20 AMF di preterite — 23 A trovati 9 degl'intelletti — 14-17 memoria, parte perché «li uomini — 17 « q netto termine — 18 e gii — 19 torpatteranno — 24 contiderando — 26 grande ingegno e facendone incontro colle preteriti [e mettendole, ponrn (dole) a riscontro] — ritcontratele