Pagina:Leopardi - Operette morali, Gentile, 1918.djvu/290

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


226 — Se il sonno dei mortali fosse perpetuo, ed una cosa medesima colla vita ; se sotto 1’ astro diurno, languendo per la terra in profondissima quiete tutti i viventi, non appa¬ risse opera alcuna ; non muggito di buoi per li prati, né 5 strepito di fiere per le foreste, né canto di uccelli per l’aria, né sussurro d’ api o di farfalle scorresse per la campagna ; non voce, non moto alcuno, se non delle acque, del vento e delle tempeste, sorgesse in alcuna banda ; certo 1* uni¬ verso sarebbe inutile; ma forse che vi si troverebbe o 10 copia minore di felicità, o più di miseria, che oggi non vi si trova? Io dimando a te, o sole, autore del giorno e pre¬ side della vigilia: nello spazio dei secoli da te distinti e consumati fin qui sorgendo e cadendo, vedesti tu alcuna volta un solo infra i viventi essere beato? Delle opere 15 innumerabili dei mortali da te vedute finora, pensi tu che pur una ottenesse l’intento suo, che fu la soddisfazione, o durevole o transitoria, di quella creatura che la produsse? Anzi vedi tu di presente o vedesti mai la felicità dentro ai confini del mondo? in qual campo soggiorna, in qual 20 bosco, in qual montagna, in qual valle, in qual paese abi¬ tato o deserto, in qual pianeta dei tanti che le tue fiamme illustrano e scaldano? Forse si nasconde dal tuo cospetto, e siede nell’ imo delle spelonche, o nel profondo della terra o del mare? Qual cosa animata ne partecipa; qual pianta 6 A • murro — 10 A miseria — 11 A o Sole, — 16 A todditfazione — 17 A tranaitoria — 23 A tpalonche — 24 A partecipa, 3 vita, sicché quelli ignorattero tempre e la vita loro e te ttctti [igno- rattero la vita — te ttetti tempre e per ogni modo] — diurno, languendo (per la terra] tutti i viventi in una quiete allittima, non torgette (ti levatte]' né muggito — 5 aria o d* in tui rami degli alberi — 10-1 miterin ? Dimando 13 fino a ora — 13-4 tu mai tolo un vivente beato? — 15 fin qui [fino a ora] — 16-7 todditfazione della creatura — 19 alberga — 22-24 tcal- dano t Qual cota —