Pagina:Leopardi - Operette morali, Gentile, 1918.djvu/299

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


w — 235 — fossero potute notare e conoscere diagli uomini, massime cosi distanti. Queste cose, o seriamente o da scherzo, sieno dette circa all* anello di Saturno. Ora quel cangiamento che noi sappiamo essere inter¬ venuto e intervenire ogni giorno alla figura della terra, non 5 è dubbio alcuno che per le medesime cause non intervenga somigliantemente a quella di ciascun pianeta, comeché negli altri pianeti esso non ci sia cosi manifesto agli occhi come egli ci è pure in quello di Giove. Né solo a quelli che a similitudine della terra si aggirano intorno al sole, ma il IO medesimo senza alcun fallo interviene ancora a quei pianeti che ogni ragion vuole che si credano essere intorno a cia¬ scuna stella. Per tanto in quel modo che si è divisato della terra, tutti i pianeti in capo di certo tempo, ridotti per se medesimi in pezzi, hanno a precipitare gli uni nel sole, gli 15 altri nelle stelle loro. Nelle quali fiamme manifesto è che non pure alquanti o molti individui, ma universalmente quei generi e quelle specie che ora si contengono nella terra e nei pianeti, saranno distrutte insino, per dir cosi, dalla stirpe. E questo per avventura, o alcuna cosa a ciò somi- 20 gliante, ebbero nell’ animo quei filosofi, cosi greci come barbari, i quali affermarono dovere alla fine questo presente mondo perire di fuoco. Ma perciocché noi veggiamo che anco il sole si ruota dintorno al proprio asse, e quindi il medesimo si dee credere delle stelle, segue che l’ uno e le 25 altre in corso di tempo debbano non meno che i pianeti venire in dissoluzione, e le loro fiamme dispergersi nello spazio. In tal guisa adunque il moto circolare delle sfere mondane, il quale è principalissima parte dei presenti ordini naturali, e quasi principio e fonte della conservazione di 30 questo universo, sarà causa altresì della distruzione di esso universo e dei detti ordini.