Pagina:Leopardi - Operette morali, Gentile, 1918.djvu/99

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


PROPOSTA DI PREMI FATTA DALL* ACCADEMIA DEI SILLOGRAFI L* Accademia dei Sillografi attendendo di continuo, secondo il suo principale instituto, a procurare con ogni suo sforzo l'utilità comune, e stimando niuna cosa essere 5 più conforme a questo proposito che aiutare e promuovere gli andamenti e le inclinazioni Del fortunato secolo in cui siamo, come dice un poeta illustre; ha tolto a considerare diligen¬ temente le qualità e l’indole del nostro tempo, e dopo i 0 lungo e maturo esame si è risoluta di poterlo chiamare l’età delle macchine, non solo perché gli uomini di oggidì procedono e vivono forse più meccanicamente di tutti i passati, ma eziandio per rispetto al grandissimo numero delle macchine inventate di fresco ed accomodate o che si vanno 15 tutto giorno trovando ed accomodando a tanti e cosi vari esercizi, che oramai non gli uomini ma la macchine, si può dire, trattano le cose umane e fanno le opere della vita. Del che la detta Accademia prende sommo piacere, non tanto per le comodità manifeste che ne risultano, quanto 20 4 A procurare — 5 AMF la — 9 A illustre. — 12 AMF la 2 DE* — 3 de’ — intendendo — 5 stimando non essere cosa più — 9 un famoso poeta, ha tolto — 12 d’ — 13 si conducono — 15 inventate ed ac(c omodate) — 16 tanti e si vari uffici — 18 le cose della vita — 19 infinito