Pagina:Leopardi - Paralipomeni della Batracomiomachia, Laterza, 1921.djvu/36

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


26 I - VERSI Verso 175. — «in Atene Eretteo».— Plutarco, Vita di Licurgo; Atenagora, Ambasciata per Li cristiani, capo I; Esichio, voce ’Epex’&eijs; Apollodoro, Biblioteca, libro III, ove si legge: «erittonio». Ivi. — «... Chiamanti Elate molti altri». — Esichio, voce ’EA,dTT]g. Verso 176. — «... di Trezenio». — Veggasi più sopra la nota prima al verso 136. Verso 176. — «... o d’Istmio». — Pindaro, Ode Olimpica XIII, verso 4 e seguente. I giuochi istmici e l’Istmo medesimo» ove era un tempio di Nettuno mentovato da Pausania, libro II» erano sacri a quel dio. «In eo [Isthmó) — dice Pomponio Mela, libro lì, capo 3 — oppidum Cenchreae, fanum Neptuni, ludis, quos isthmicos vocant, celebro.CsLWimaco, neW Inno a Deh nomìndt Ceneri come luogo singolarmente sacro a Nettuno. Verso 177. — «... I tessali Petreo Diconti». — Anche Pindaro, Ode Pitica IV, verso 246, dà questo nome a Nettuno. Verso 178. — «... ed altri Onchestio». — In onore di Nettuno Onchestio celebravano i tebani una festa ricordata da Pausania, libro IX. Veggasi la nota seconda al verso 192. Ivi. — «... ed altri pure Egeo ti noma». — Virgilio, Eneide, libro III, verso 73 e seguente: Sacra mari colitur medio gratissima tellus Nereidum mairi et Neptuno Aegeo, Licofrone, verso 135, chiama Nettuno Aiyatcova, e Pindaro, Ode Nemea V, verso 68 e seguente, dice che egli soventi volte recavasi all’Istmo, Aiyà’&Ev, «da Ega». Veggansi il passo di Stazio nella nota prima al verso 192. Omero, Iliade, libro XIII, verso 20 e seguenti, e Odissea, libro V, verso 381; V Inno a Nettuno ascritto al poeta stesso, verso 3; Strabone, libro VIII e IX, e Stefano il geografo. Verso 179. — «... e Cinade». — Esichio, voce K-uvàSiig. Ivi. — «... e Fitalmio». — Il significato del nome ^wdXfAiog «Fitalmio» non è abbastanza certo. Esichio dice essere que