Pagina:Leopardi - Puerili e abbozzi vari, Laterza, 1924.djvu/121

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

vi. scherzi epigrammatici 115


IV

L'AMORE DI CERA

Ode del medesimo.


     Mentre un di vendeasi un caro
Amorino in cera espresso,
invaghito a lui m'appresso,
e lo chiedo al venditor.
     — Orsù via di quest’Amore,
a colui bramoso io dico:
— quale è il prezzo? dimmi, amico.
Io l'immagin comprerò. —
     Quegli in dorica favella:
— Dammi — dice — quel che vuoi,
che dell'idolo alfin poi
già l'artefice non son.
     Anzi vo' che lungi vada
l'irrequieto fanciulletto,
con Amor l'albergo, il letto
più comuni aver non vo'.
     — Orsù dunque, ecco una dramma,
quell'immagine a me rendi, —
a lui dico; e tu m'accendi,
tu m'infiamma, Amore, il cor.
     Se ricusi, affé che tosto
ti condanno, Amore, al fuoco,
e da quello a poco a poco
tutto struggere ti fo.