Pagina:Leopardi - Puerili e abbozzi vari, Laterza, 1924.djvu/25

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


I. VERSI ITALIANI ed il dotto e buon Donato sta a sedere al vostro lato. Dunque attenta rispondete, e contenta ne sarete. / I X ALLA SIGNORA CONTESSA PAOLINA LEOPARDI erudita traduttrice di Marco Tullio Cicerone. Torno in campo a riverire con novello e grande ardire l’erudita signorina, dei dottori alta regina. Ella in luogo decoroso abbia nobile riposo, ne l'Arcadia alma e felice, e si chiami Doralice. Cicerone l’incoroni e la scienza ad essa doni; Fedro accanto sempre stia alla Sua gran Signoria; e il Porretti faccia corte alla donna amica e forte. Ancor io t’onorerò, ed ognor t’ammirerò. 12 ALLA STESSA Mentre ieri errando già per l’amica Arcadia mia, fra que’ boschi all’improvviso sorse un alto evviva, un riso;