Pagina:Leopardi - Puerili e abbozzi vari, Laterza, 1924.djvu/288

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


282 INDICE DEI CAPOVERSI Di tragico e di comico alla volta p. 103 Donzellette sen gian per la campagna » 199 Dopo di mille generose imprese » 107 Dopo feroce ed ostinato male » 101 D’un orator lo stile abborre Orcone » 107 Ecco il Vesuvio, ove beate un giorno » 106 Ecco l’augel di Palla; il suo pavone » 99 Entro dipinta gabbia » 8 Era in mezzo del ciel la curva luna » 169 Era la luna nel cortile; un lato » 185 Fa notte, e ’1 campo è lungi e non conviene » 207 Férmati, duce; non ti basta? ah mira » 3 Figli d’Adam tutti noi siamo; il vomere » 106 Fuvvi un di che si potea » 20 Già nasce il di; la rubiconda aurora » 16 Già salisco sul Parnaso » 22 Giorno tanto desiato » 18 I biondi favi cerei » 117 II genitor che scrive dalle campagne amene » 6 In chiuder la tua storia, ansante il petto » 180 In un pozzo gittossi or or Narcisso » 102 Io giuro al ciel che rivedrò la mia » 192 Io sento urlare i lupi e s’io non fallo » 238 Io son contento che mi venga il canchero » 253 Lacrimosa, irta ed afflitta » 21 L’altiero fasto persico * 34 La speme che rinasce in un col giorno » 186 Mentre ieri errando già » 19 Mentre tu godi le delizie amene » 5 Mentre un di vendeasi un caro » 115 Mentre un serto io vo tessendo » 113 Morta Dorina è qui; l’irata dea » 99 Nel far versi, o Mopso, invero » 102 Nel tempo in che dileguasi » 173 Ne, quaeso, transire undantia littora tentes » 26 Ninfa del sacro margine » 108 Niun presta a Tirsi fé; pur noto è bene » 101