Pagina:Leopardi - Puerili e abbozzi vari, Laterza, 1924.djvu/54

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


I. PUERILI 43 Dunque meriterà compassione chi casca in fosso quando n’è avvertito? No, ma qualche licenza in lunga azione può prendersi, ed Omero anche ha dormito. Fra la cetra e il pennel comparazione può farsi: un piace agli occhi, una all’udito. Tu, o maggior de’ Pisoni, a questo attendi, e quindi l’arte del sapere apprendi. 44 Si tollera il mediocre in qualche cosa ; non nella poesia: cosi nel mèle non piace ad una bocca schizzignosa una mandorla amara come il fiele. Quanto meglio saria scrivere in prosa per chi ne’ versi è proprio un uom crudele, come il pallon lasciar suole e le palle e il disco abbandonar chi non ha spalle. 45 Ma perché mai di libertà chi gode, voi dite, non può far quel che gli pare? Tu, se Minerva e il biondo dio non t’ode né ti presta soccorso, hai tempo a fare; ma, se mai per averne onore e lode talor voleste voi scarabocchiare quattro versi, o Pisoni, al genitóre mostrateli o ad un savio e buon censore. 46 Per molto tempo poi stieno rinchiusi ; ché se un nome una volta scappò fuora, più scassarsi non può. Gli umani abusi Orfeo corresse, e l’aspre belve ancora ammansò col suo canto : insiem confusi fùr savi e vati un giorno, e in trono allora Ragion si assise e ognun resse a bacchetta, e a Pindo tutti corsero a staffetta.