Pagina:Leopardi - Puerili e abbozzi vari, Laterza, 1924.djvu/62

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
56 i. puerili

20Odioso al mondo tutto, odioso ai numi
il rifiuto sarà, sarà funesto
il ricettarla, che su noi lo sdegno
trarrà del forte vincitor guerriero.
Parla or dunque, consiglia: eh, qual potremo
25via rinvenir, per cui serbar la pace
tra queste mura, in questo regno, e salvo
render l'Egitto?


achilla.


                            Ascolta; a noi di troppo
periglioso saria l'aver nimico
Cesare e Roma; l'universo trema
30a nome tal, né temerà l'Egitto?
Dunque da noi scacciar lungi dovremo
la supplichevol turba, e in truce aspetto
i suoi pianti sprezzar, sprezzar le grida?
No; del vinto Pompeo l'atroce sdegno
35potriaci un giorno esser funesto; il fato
è volubile, il sai; forse la sorte
un di vorria, volta l'instabil ruota,
Cesare oppresso, e vincitor Pompeo.
Che dunque oprar dovrem? Fallace aspetto
40ora vestir conviene; il vinto stuolo
da noi si accolga, e in Alessandria trovi
simulata pietà, mentita fede.
Del dittatore ad evitar lo sdegno,
cada Pompeo per nostra man trafitto;
45l'estinta salma ei veda, il suo nemico
prosteso a' piedi suoi, lordi di sangue
questo suol, queste mura. Ornai si franga
delle moleste, inopportune leggi
la catena servii, sprezzinsi i dritti
50della fede ospitale; unica via
questa è di scampo al minacciato Egitto.