Pagina:Lettere autografe Colombo.djvu/145

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

di cristoforo colombo 121

vero. Tolomeo mette Catigara a 12 linee lungi dal suo occidente, qual affermo essere sopra capo Santo Vincenzo in Portogallo due gradi e un terzo. Marino in 15 linee costituitte la terra. Questo medesimo Marino in Etiopia scrive sopra la linea equinoziale più di 24 gradi; e adesso che li Portogallesi lì navicano, lo trovano essere vero. Tolomeo disse che la terra più australe è il primo termino, e che non abbassa più di 15 gradi e un terzo. Il mondo è poco: quello che è sutto, cioè la terra, è sei parti: la settima solamente è coperta di acqua: la esperienza già è stata vista, e a Vostre Maestà la scrissi per altre mie, con adornamento della Sacra Scrittura, ancora con il sito del Paradiso terrestre, quale Chiesa Santa prova. Dico che il mondo non è tanto grande, come il volgo dice, e che un grado della linea equinoziale è miglia 56 e due terzi: presto si toccherà con mano1. Di questo non è mio pro-

  1. Del sapere di Colombo in fatto di cosmografia, di nautica, e di altre discipline a quelle appartenenti, il figlio Fernando, nel capo terzo della Vita, scrive così: «Nella sua picciola età imparò lettere, e studiò in Pavia tanto, che gli bastava per intendere i cosmografi, alla cui lezione fu molto affezionato: per lo qual rispetto ancora si diede all’astrologia e alla geometria: perciocchè queste scienzie sono in tal maniera concatenate, che l’una non può stare senza l’altra: e ancora perchè Tolomeo nel principio della sua Cosmografia dice che niuno può esser cosmografo se ancora non sarà pittore, partecipò ancora del disegno, per piantar le terre e formar i corpi cosmografici in piano e in tondo.» Anzi lo stesso Colombo, se prestiamo fede ad una lettera come di lui riportata da Fernando nel capo quarto, l’anno 1501 alli Re di Spagna scriveva: «Di età molto tenera io entrai in mare navigando, e vi ho continuato fin oggi: e l’istessa arie inclina a chi la segue a desiderar di sapere i secreti di questo mondo: e oggimai passano quaranta anni, che io