Pagina:Lettere autografe Colombo.djvu/146

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
122 lettere autografe

posito in tal materia parlarne, salvo di darvi conto del mio duro e affaticoso viaggio, ancora che sia il più nobile e utilissimo.

Dico che il vespero di Santi Simon e Giuda scorsi dove il vento mi levava, senza poterli fare resistenza in un porto, nel quale schivai dieci giorni di gran fortuna di mare e dal cielo. Quivi deliberai di non ritornare a dietro alle minere, e lassaile stare come cosa guadagnata: partii per seguire mio viaggio piovendo. Come Dio volse, arrivai ad un porto dimandato Bastimentos, dove intrai non di bona volontà. La fortuna e gran corrente mi serrò in ditto porto per spazio di giorni quattordici: da poi, ancora che non con bon tempo, di quivi mi partitti. Quando mi trovai aver fatto circa 15 leghe, sforzatamente mi ritornò in dietro il vento e corrente furioso. Ritornando io al porto di dove era salito, trovai in cammino un altro porto nominato Retrete, dove mi ritrassi con assai pericolo e disturbo, e ben faticato io, la gente e li navigli. In questo porto mi stetti molti dì, che così volse il crudel tempo; e quando mi credetti

    uso per tutte quelle parti che fin oggi si navigano: e i miei traffichi e conversazioni sono stati con gente savia, così ecclesiastici, come secolari, e Latini, e Greci, Indiani, e Mori, e con molti altri di altre sette. E a questo mio desiderio trovai il nostro Signore molto propizio; e perciò ebbi da lui spirito d’intelligenza. Della navigatoria mi fece molto intendente, d’astrologia mi diede quel che bastava, e così di geometria e di aritmetica. L’animo mi donò ingegnoso, e le mani atte a disegnar questa Sfera, e in essa le città, i monti, e i fiumi, le isole, e i porti tutti nel loro convenevole sito. In questo tempo io ho veduto e messo studio in vedere tutti i libri di cosmografia, d’istoria, e di filosofia, e d’altre scienzie; di modo che il nostro Signore aprì l’intelletto con mano palpabile a me, acciò ch’io navighi di qua alle Indie: e mi fece volonterosissimo di mandar ciò ad esecuzione.»