Pagina:Lettere d'una viaggiatrice - Serao, 1908.djvu/389

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
382 lettere d’una viaggiatrice

Al vento che scende quasi roteando, ondeggiano sui prati le più belle, le più larghe margherite che io abbia mai viste e la campanula color lilla apre i suoi mille calici delicati. Ai greppi si arrampica la rosa, la piccola rosa delle Alpi, tutta pallida e tutta fredda, e la nigritilla suavis odora teneramente. Essa è la vainiglia delle Alpi, la nigritilla suavis, dal dolce nome, così gentile nel suo bruno colore. Se bene cercate, voi troverete, ora, fra le erbe, sulle rupi, ancora le picciole e saporose fragole di montagna; voi troverete, ora. nei prati di trifogli, se cercate avidamente, il fatale trifoglio a quattro foglie, quello che dovrà portare la fortuna a voi e a chi lo donate. Ah! grande, quieta, mite e pur profonda poesia di un ambiente, dove tutto è naturale e dove lo spirito, nel riposo e nella solitudine, riprende la sua libertà... Quando una settimana abbia trasformato il vostro essere, voi acquistate la sensibilità a tutte le poesie della montagna, voi sentite le tristezze della giornata di nebbia scendente dalle cime sui prati; e il gran rombo del vento notturno, che si precipita dalle Alpi