Pagina:Lettere d'una viaggiatrice - Serao, 1908.djvu/419

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
412 lettere duna viaggiatrice

cercano affannosamente, poiché sanno che, per essa, la loro vita avrà un’ora in cui tutta la sua potenza sarà centuplicata e che per essa un ricordo incancellabile farà vibrare sempre l’anima, più tardi, lontano, nelle ore solinghe. La vera montagna, il Cervino, altissima rupe sorgente solitaria e nitida dai suoi ghiacciai, che formano corona alla sua base, che risalgono sino alla paurosa cima, una piramide di rocce e di geli che si eleva, libera e superba, leggermente inclinata, poiché questa montagna è anche elegante, ha anche, oltre la gran seduzione mortale, non so quale seduzione di grazia giovanile! Dico, la vera montagna. Perchè vedete, al profano, all’ignaro, all’anima nuda e ignorante, la montagna è, molto spesso, come l’amore: procura le più irritanti e le più amare delusioni. I nomi del monte Rosa, del monte Bianco, del Gran Paradiso, vi hanno fatto tanto sognare, con le loro vertiginose altezze, che voi sperate in qualche cosa di unico e d’immenso, in qualche cosa di così precisamente grandioso e di così precisamente unico e solenne, che tutta la vostra fantasia si