Pagina:Lettere d'una viaggiatrice - Serao, 1908.djvu/90

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

dans venise la rouge 83




Ebbene, si, ella ha peccato più delle altre, perchè ella non seppe mentire, nè nella sostanza, nè nella forma: poichè ella non seppe temperare con carità feminile il suo tradimento: poichè ella non seppe misurare la sua rude condotta: poichè ella non seppe vestire di niente, la sua crudeltà. Il modo, l’orrendo modo onde ella gittò lontano, via, da sè, Alfred de Musset, ancora offende tutti coloro che hanno fibra gentile, Doveva ella, dunque, mentire? Doveva. Poichè la natura dell’amore dell’amore è così duplice, così complicata, così falsa: poichè questo sentimento e questa sensazione tendono a noi e agli altri il tranello più grottesco e più terribile in cui si possa cadere: poichè nessuno si può sottrarre al pericolo di un tradimento, per sè stesso, per gli altri e poichè si deve aver il più profondo rispetto dell’anima altrui, bisogna ingannare, bisogna mentire. Così! L’inganno è