Pagina:Lorenzo de' Medici - Opere, vol.1, Laterza, 1913.djvu/187

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

iii - rime 181

SESTINA III

[Triste coscienza del suo stato amoroso.]


1

     Amor tenuto m’ha di tempo in tempo
sotto false promesse lunghe e vane,
tanto ch’io son dell’aspettar giá stanco
e de’ suoi falsi inganni oramai certo;
ché della lunga mia aspra fatica
dolor è il prezzo, e vergogna, ira e sdegno.

2

     E quel che piú accresce ogni mio sdegno
è ch’io ho perso il mio giovenil tempo,
né mel può racquistar prezzo o fatica.
Or nostre voluntá quanto sien vane,
se giá ne dubitai, or ne son certo,
e per troppo provarle afflitto e stanco.

3

     Non che altro, del pensar io son giá stanco,
e son venuto a me medesmo a sdegno,
stando del bene in dubbio e del mal certo;
ma la vendetta di chi perde il tempo
è il pentimento delle imprese vane:
vergogna è il frutto poi d’ogni fatica.

4

     Vana è ogni mortal nostra fatica:
ma chi in seguire Amor non è mai stanco,
tirato da lusinghe false e vane,
e come triste ha l’altre cose a sdegno,
piú ch’alcun altro perde l’opra e il tempo,
ed è in error piú manifesto e certo.