Pagina:Lorenzo de' Medici - Opere, vol.1, Laterza, 1913.djvu/202

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
196 iii - rime

SESTINA IV

[Invano cerca d’obliare tra le bellezze della Natura la fiamma antica.]


1

     Fuggo i bei raggi del mio ardente sole,
silvestra fèra all’ombra delle fronde,
e vo cercando ruscelletti e fonti
per piagge e valli e pe’ piú alti poggi,
ove le caste ninfe di Diana
vanno seguendo li animai pe’ boschi.

2

     Benché all’ombra de’ faggi spesso imboschi,
cercando di difendermi dal sole,
non può far ciò che al mondo è di Diana,
che mi ricuopra tra le verdi fronde
dal foco che non teme ombra di poggi,
né si spegne per l’acqua de’ chiar fonti.

3

     Ma le lacrime mie fan nuovi fonti,
che annacquando spesso i verdi boschi
rigan per li alti e piú elati poggi;
né però il foco del mio chiaro Sole
scema, e piú verdi l’amorose fronde
rinascon ne’ be’ luoghi di Diana.

4

     Io mi credea per l’arte di Diana
passassi il mio dolore, e’ vivi fonti
spegnessi il foco, e l’ombra delle fronde,
la qual cercando vo per tanti boschi,
fussi ostaculo a’ raggi del chiar sole,
e che potessi meno in valle e poggi.