Pagina:Lorenzo de' Medici - Opere, vol.1, Laterza, 1913.djvu/234

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
228 iii - rime

CV

[Poca gloria ha Amore, se ha acceso l’ésca di tanto foco.]


     Non t’è onore, Amor, l’avermi preso
ed ingannato ne’ miei teneri anni,
quando l’etá disposta era agl’inganni,
e poca gloria è, se hai l’ésca acceso.
     E, s’io m’arresi, a torto m’hai offeso,
.     .     .     .     .     .     .     .     .     .     .
contra dure arme e non venerei panni,
riserba le saette e l’arco teso:
     ché resultar ne suol piú gloria al vinto,
se è debole, e potente è il vincitore:
cosí manca tua gloria a poco a poco.
     Giá di divin prigion ti vidi cinto;
il cielo e’ lFonte/commento: Edimburgo, 1912 mondo tenevi in tremore,
e la Stige palude: ora ardi il foco.


CANZONE VII

[Il core, vinto dagli occhi della sua donna, attende morte

o guiderdone alle sue pene.]


     Quando raggio di sole,
per picciola fessura
dell’ape entrando nella casa oscura,
al dolce tempo le riscalda e desta,
escono accese di novella cura5
per la vaga foresta,
predando disiose or quella or questa
spezie di fior, di che la terra è adorna:
qual esce fuor, qual torna
carca di bella ed odorata preda;10
qual sollecita e strigne,
s’avvien che alcuna oziosa all’opra veda;
altra il vil fuco spigne,