Pagina:Maineri - Ricordi delle Alpi.djvu/102

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
98 ricordi delle alpi.


due, mia sorella ed io, taciti ci sedemmo senza profferire parola.

Si stette poco tempo così, paghi di discorrere e, volgendo lo sguardo a destra ed a manca, frugatomi quasi meccanicamente nella tasca laterale dell’abito, ne trassi fuori il portafoglio.

Allora mi rivennero le idee, sebben d'altro colore, e pagai col cuore un tributo di santa amicizia. E che mai vennemi in mente in quella dolce quiete? — Pensai a te, Enrico, a te che dividesti meco giorni si belli, lusinghieri e soavi. Pensai a’ confidenti parlari, alle splendide e vive speranze, agli onesti proponimenti, ai moti d’un amore puro e gentile, alle fallite promesse; e mi raramentai della natia tua Mantova, che tanto affettuosamente sospiravi. Chi me lo avrebbe detto, Enrico, che io t’avrei rammentato con tanta pietà in questa valle?

Mi diedi a sfogliare, e ne trassi una lettera listata di nero: pur troppo erano i suoi carissimi caratteri!

— Che hai? chiesemi la sorella, sei commosso e tutto rannuvolato.

— Memorie, risposi, che non possono, certo, farmi stare allegro.

— Nè si potrebbero sapere? ripigliò; se non è indiscrezione....