Pagina:Maineri - Ricordi delle Alpi.djvu/90

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
86 ricordi delle alpi.

nessuno spiazzo per edilicarvi anco un’umile casa di Dio, vennero originariamente erette grandi arcate, su cui poggiarvela, in modo che il dinanzi o la facciata della chiesa, quasi tutto il sinistro lato e la parte del destro, a cui giugnesi per una via di varie volte e risvolte, è contornato da una specie di tettoia, che cuopre pienamente l’umile e strano piazzale.

A’ piedi dell’edifizio, a una spaventosa profondità, massime a sinistra, scorre il Livrio, che sbuca umile e mesto dalla valle profonda cui presta il nome; valle trista e fredda come i pensieri d’un morente, dove il sole d’inverno non manda che alla sfuggita un po’ di riso co’ suoi raggi; valle che, in quelle corte giornate o in sulle ultime sere d’autunno, ti spruzza in viso un’aria pregna di sinistri guai.

Immagina quanto sonoro brontolio vi dèstino i venti del dicembre o di gennaio, e se, giunti qui alla bocca, si sferrino poco turbinosi sulle poche case rizzate alla sua sinistra! Allora le nevi a mo’ di sterminati lenzuoli coprono le sommità e le chine di queste montagne, di cui le acque flagellano i fianchi nell’alveo sottostante, pel quale corrono spumose a confondersi con quelle dell’Adda.

Una più cattiva postura della chiesa non si pote va trovare, e direi, immaginare: dif-