Pagina:Maineri - Ricordi delle Alpi.djvu/94

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
90 ricordi delle alpi.


Un terzo:

— Mi gonfiarono i fumi della potenza feudale, ed ebbi gli uomini in conto di schiavi, degni solo del flagello e della catena; macchiai il talamo altrui, e colsi di violenza il flore di caste zitelle. Che mi valse la vita?

— Godere, godere e godere; — e poi?

— Il nulla! brontolò uno, a cui questo facea di cappello; il nulla!

— Ah! come preso d’atroce spasimo grugni il primo: hai bestemmiato! Maledizione! Ed ecco un serpe uscirgli dalla bocca e, avvinghiatolo intieramente, allungare la testa a morderlo sulla fronte. A questo cranio mancavano proprio tutti i denti, tranne i quattro canini: erano forse il triste emblema della signorìa, da lui usata sì indegnamente?

In questa, quei crani, quegli omeri, quegli stinchi, que’ femori, quelle braccia e i mille frammenti delle ossa presero a muoversi, ad agitarsi, a scricchiolare, a fremere.

— Ih, ih, ih!...

— Ah! ah!...

— Oh! oh!...

E un’ala nera nera di pipistrello, ampia corne drappo mortuario, da' lunghi peli, apparve a ricoprire quelle tristi vestigia dei trapassati....

Io provava il ribrezzo della quartana: un