Pagina:Malombra.djvu/307

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
 
— 303 —
 


— È amore? Quale amore? Sono ancora tranquillo abbastanza, voglio riflettere, studiarmi finchè mi è possibile. Io sento, pensando a lei, di desiderare qualche cosa di ignoto a me stesso, d’inconcepibile dal pensiero umano. Il mio desiderio è tanto puro che lo scrivere — è puro — mi costa uno sforzo, mi ripugna. Ma tuttavia vi è veramente una commozione fisica in me, specialmente nel petto. Vi è un reale movimento nel sangue o nei nervi, che corrisponde alla esaltazione del mio spirito. Sono incapace, in questo punto, di ragionamento freddo, ma sento invincibilmente che se quello che io provo è amore, esso non è solamente spirituale. — Lo penso, lo credo, sono barlumi di una vita futura più nobile che si destano in me, presentimenti d’uno squisito amore fisico, non concepibile in questa tenebra. Solo questo io so, che deve essere immensamente più degno dello spirito, benchè forse capace ancora di altre sublimi trasformazioni. Tento immaginare la unione intera, il mio sguardo nel suo, il cuore nel cuore, un fuoco di pensieri commisti, un palpito che ad ogni momento ci divida e ci unisca. Sento altresì che queste idee esaltano la mia intelligenza e abbattono il corpo, ne troncano i desideri più vili.

Signore degli spiriti, tu me li doni questi divini fantasmi, ombre del futuro, questi ardori che mi levano dal fango verso te. Non abbandonarmi, fa ch’io sia amato. Tu lo sai, non è solo dolcezza che io cerco nell’amore; è lo sdegno d’ogni viltà, è la forza di combattere per il bene e per il vero malgrado l’indifferenza degli uomini, l’occulto nemico esterno, i tuoi silenzi paurosi. Padre, rispondi al grido dell’anima mia, fa ch’io sia amato! Vedi, tra queste sublimi speranze mi assalta l’angoscia che siano una derisione ancora e mi stringo ad esse e sospiro.

— Ah no!

Gettò la penna, spiegazzò fra le dita lo scritto e lo arse alla candela. Prese poscia un libriccino di note. Rilesse queste parole tracciatevi anni prima: