Pagina:Manuale di economia politica con una introduzione alla scienza sociale.djvu/212

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
202 conc. gen. dell’equil. econ. [§ 147-149]

di massimo utile. Così pure se vi sono più produttori, ma colla condizione che il loro numero non operi sugli ostacoli, onde, siano pochi o molti i produttori, conseguono tutti il massimo utile quando la quantità totale am di A è trasformata in al di B.

148. Supponiamo invece che la linea hk si riferisca al caso di un solo produttore, e che altri possano sorgere, nelle stesse condizioni. Se ve ne sono due, occorre, perchè ognuno abbia il massimo utile, di raddoppiare tutte le quantità: se ve ne sono tre, occorre triplicarle, ecc. Così viene spostata la linea hk, quando si riferisce al totale della produzione, secondo il numero dei produttori. E verrebbe pure spostata, quando, più generalmente, invece di raddoppiare, triplicare, ecc. la produzione, occorresse solo di accrescerla in certe proporzioni. Anche la linea s delle trasformazioni complete è spostata.

Se, per un caso singolare, le linee per tal modo spostate, quando vi sono, ad esempio, due produttori, si intersecano precisamente in un punto g della linea cd dei baratti, l’equilibrio avrà luogo in g. Infatti uno dei produttori non può stare in l, perchè l’altro, per farsi largo, muta l’inclinazione del sentiero ml, sinchè coincida col sentiero mg. Oltre non vi può andare, perchè si entrerebbe nella regione degli indici negativi, e non c’è posto per un terzo produttore.

149. Difficilmente accadrà che le linee spostate