Pagina:Manuale di economia politica con una introduzione alla scienza sociale.djvu/479

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
[§ 45-47] fenomeno economico concreto 469


La quantità totale da ripartire tra i due individui è maggiore per B, ma è minore per A, e non sappiamo se, tenuto conto del gusto degli individui, c’è, o non c’è compenso. Se quel compenso c’è (§ 51), la proposizione del Ricardo è vera; se non c’è, la proposizione è falsa (§ 52). Per esempio se A è pane, e B sono ornamenti di corallo, potrebbe benissimo accadere che la deficienza, che riscontriamo, di 6 di pane non fosse punto compensata dall’aumento di 10 della quantità di corallo.

46. Perchè la conclusione del Ricardo sia sicuramente vera, occorre che quando I produce solo A, e II solo B, le quantità totali prodotte sieno entrambe maggiori che nel caso in cui, per soddisfare direttamente i propri gusti, I produce A e B, e così pure II1.

47. Per esempio, supponiamo che I lavori ancora 30 giorni a fare A e 30 giorni a fare B; ma


  1. Mentre II fa 1 di A, supponiamo che I ne faccia x; e mentre II fa 1 di B, I ne farà y.
    Sia (μ) una combinazione in cui pel tempo t, I fa solo B, e II solo A; e (π) un altra combinazione in cui I fa A per il tempo t — θ, e fa B pel tempo θ; II fa A per il tempo t — θ', e fa B pel tempo θ'.
    Se vogliamo che le quantità di A e di B prodotte nella combinazione (μ) sieno maggiori di quelle prodotte nella combinazione (π), dovremo avere

    t > (t — θ)x+t — θ',
    ty > θy + θ'

    ossia

    θ' <(t — θ)y, θ' > (t — θ)x.

    Queste formole servirono a calcolare gli specchi del testo.
    Si osservi che perchè sieno possibili, occorre che sia

    y > x.