Pagina:Manzoni.djvu/249

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

i promessi sposi. 247

parlare soltanto di Renzo e di Lucia, che lasciano il loro villaggio per recarsi nell’ospitale e laborioso Bergamasco; ma il Bergamasco potrebbe assai bene nel caso nostro nascondere l’Inghilterra ed il Belgio. «Chi domandasse se non ci fu anche del dolore in distaccarsi dal paese nativo, da quelle montagne, ce ne fu sicuro; chè del dolore ce n’è, sto per dire, un po’ per tutto. Bisogna però che non fosse molto forte, giacchè avrebbero potuto risparmiarselo, stando a casa loro, ora che i due grand’inciampi, Don Rodrigo e il bando, eran levati. Ma già da qualche tempo erano avvezzi tutt’e tre a riguardar come loro il paese dove andavano. Renzo l’aveva fatto entrare in grazia alle donne, raccontando l’agevolezze che ci trovavano gli operai; e cento cose della bella vita che si faceva là. Del resto, avevan tutti passato de’ momenti ben amari in quello, a cui voltavan le spalle; e le memorie tristi, alla lunga, guastan sempre nella mente i luoghi che le richiamano. E se que’ luoghi son quelli, dove siam nati, c’è forse in tali memorie qualcosa di più aspro e pungente. Anche il bambino, dice il manoscritto, riposa volentieri sul seno della balia, cerca con avidità e con fiducia la poppa che l’ha dolcemente alimentato fino allora; ma se la balia, per divezzarlo, la bagna d’assenzio, il bambino ritira la bocca, poi torna a provare, ma finalmente se ne stacca; piangendo sì, ma se ne stacca.» Renzo, che cessa di essere un eroe di romanzo, rimane alcun tempo incerto sul modo d’impiegare quel po’ di danaro ch’egli ha, se nell’agricoltura o nell’industria; il Manzoni, che ha rinunciato alla vita politica, si ritira a Brusuglio