Pagina:Marinetti - Teatro.djvu/107

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

1ª Voce interna

sprezzante:

Discorsi cretini. La realtà è che ci buschiamo punizioni su punizioni! Senza bagno! Appelli continui! Disinfezioni! Divisione del pane! Distribuzione di sbobba! Spaccar le pietre! Niente posta! Niente pacchi! Pidocchi, e il solito funerale quotidiano! Gli altri sono già a Baia a vedere le belve del serraglio!

5ª Voce interna

Bel divertimento!... Le belve sono prigionieri di guerra come noi! Sognano la libertà del deserto! Ma paesi, città e deserto sono tutte prigioni come la nostra.

1ª Voce interna

Il serraglio non m’interessa. Vorrei rivedere Rosina.

5ª Voce interna

Ah! Ah! Prigioniera come noi!... Di suo marito ohe non le permette di uscire di giorno, e che, di notte, la obbliga a camminare senza mai alzare la lanterna. Dicono che il suo viso sia meraviglioso!

1ª Voce interna

Nessuno l’ha mai veduto. Il guardiano è un marito feroce.

3ª Voce interna

Con me è stato sempre buono.

2ª Voce interna

Tu non sei una moglie... E poi, se fosse buono ci lascerebbe scappare.

106