Pagina:Marinetti - Teatro.djvu/230

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Giacalone

ricomparendo tra i battenti della porta:

Signor comandante, credo sia troppo tardi ormai per nasconderla ai passeggeri della classe di lusso. Sono tutti al corrente del famoso mistero. Molti l’hanno avvicinata. Nessuno le ha mancato di rispetto. Anzi tutti la riveriscono e si inchinano al suo passaggio.

Palumbo

Sta bene. Voglio però che Sua Altezza non parli con nessuno. Deve, intendi, rimanere chiusa nella sua cabina. (Una pausa) e la terza classe sa qualcosa?

Giacalone

Penso che la terza classe ignori il fatto.

Gilberti

Ne siete sicuro?

Giacalone

Non angosciatevi, comandante, vado ad occuparmi seriamente della faccenda.

Giacalone esce.

Gilberti

entrando:

Sua Altezza Simonetta è chiusa nella sua cabina.

Palumbo

Fa molto caldo nella sua cabina?

Gilberti

Caldo torrido anche quando i ventilatori funzionano!


229