Pagina:Marinetti - Teatro.djvu/273

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


man mano. La costa ha risposto ora ai nostri radiogrammi. Due rimorchiatori partiranno fra 5 minuti. Abbiamo un carboniere a due miglia a destra. Corre verso di noi.

Lungo silenzio.

Pochi incidenti, nessuna ribellione. Ho dovuto sparare a un cameriere ohe stava chiudendo a chiave i passeggeri nelle loro cabine.

Palumbo

E’ morto?

Canepa

No. Ferito. Credo che se la caverà quella canaglia!

Palumbo

Va bene. (Lungo silenzio) La nebbia si è squarciata. Si dilegua. Una splendida luna piena. Le barche sembrano ferme, allineate al traguardo di una regata!

Canepa

Siamo a tre miglia dalia costa brasiliatìa. Possiamo facilmente essere rimorchiati!

Palumbo

Canepa, chiamatemi il capo delle macchine. Se lo sbandamento non aumenta ci serviremo delle macchine. (Un lungo silenzio) Però io mi spacco il cranio per spiegarmi l’enigma dell’urto. Non sappiamo ancora chi ci ha squarciato la prua.

Canepa

I marinai dicono che è stata una carcassa di nave morta. Dichiarano di averne scorto l’angoloso profilo nel chiaro lunare. (Un lungo silenzio) Anche la vedetta della coffa di trinchetto ha visto la carcassa morta!...

272