Pagina:Marinetti - Teatro.djvu/303

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Musoduro

indeciso:

No. Sono assurde inquietudini le mie. In realtà siamo due amici che si difendono come possono contro la sinistra confusione aggressiva della vita! Un padre e una figlia che si sforzano di estrarre dalla vita un sugo, si, un sugo trasformabile in grandezza italiana e in arte bella.

Perlina

Sugo o petrolio? Non si tratta forse di un trust di petrolio conteso da arabi e inglesi? Preferisco le lotte ideali fuori e contro le banche!

Musoduro

Eppure si può dimostrare che questa guerra coloniale ha per ideali la luce e la velocità, le nostre sante!

Perlina

Papà, copia tutto ciò che credi interessante nelle carte di Mahmud. Io sorveglio dalla finestra. (Spiando dalla finestra) Eccoli! Mahmud parla concitatamente. Floflò è seria. Mahmud prega Floflò.

Musoduro

Già, Mahmud prega sempre qualcuno o qualcosa: la Inghilterra, Allah, Perlina, Roll o Floflò. Non è furbo e manca di fantasia. Questo piano della centrale elettrica da far saltare, lo conoscevo da tempo.

Perlina

inquieta:

Papà, Mahmud sta implorando Floflò. Tenta di prenderle il braccio. Ma lei rifiuta e lui piange.

Musoduro

Anche ieri piangeva.

302