Pagina:Marinetti - Teatro.djvu/355

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


guida nelle investigazioni. Infatti la maschera e il pitale misurano le due facce dell’uomo. Il mio libro aspettato e conteso dagli editori ha un solo capitolo debole quello delle intimità erotiche. Oh! Oh! Si avanza una dama. Tipo gioviale, conversevole!... Non posso però accoglierla con un pitale in mano. La mia crescente notorietà letteraria mi impone di... Ah! Una idea! Mi metterò il pitale sul capo! Cosi! Ha la forma di un elmetto di guerra. Sembrerò un soldato glorioso. Ma la riconosco. E’ Lucia! La nostra cameriera! Quella che cura e veglia il nostro grande. Ora è diventata una signora. Già. Ebbe la fortuna di far impazzire d’amore il migliore discepolo del suo padrone. Buon giorno, Lucia! Ho bisogno di voi e dei vostri ricordi personali. Potete completare il mio libro. Sapete tante cose intime che io stesso ignoro. Sarete naturalmente ricompensata.

L’ingenua

Per quanto mi offriate non potrò mai dichiarar lui un eunuco e voi un uomo virile.

Il segretario dell’uomo celebre

Così bella e così scortese? Perché?

L’ingenua

Mi prendete forse per un cadavere, o necrofilo?

Gli dà un calcio in faccia.

Sipario

354