Pagina:Marinetti - Teatro.djvu/360

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search










Settima sintesi

LE SENTINELLE DELL’OASI

Palmeto con due mezze lune, stelle enormi, tortore e piccioni tubanti.

1° sentinella

nella buca (se ne scorge soltanto l’elmetto e il fucile):

Che profumo! Gelsomini e viole... Sono li a sinistra. Vicino al pozzo. A destra. Laggiù. Il vento agita il puzzo delle macerie e dello sterco... Ho visto oggi un lungo corteo di scarafaggi che si dirigeva da quella parte... (Una lunga pausa) Dio! Come sono grandi queste stelle africane! Enormi! Come quelle che da bambino io forbiciavo nella carta argentata del cioccolato, per il presepio... (Una lunga pausa) chiamano sentinelle avanzate. Siamo in realtà due suggeritori notturni della guerra coloniale. Cosi seminascosti in questo buco dell'oasi, con una fucilata tempestiva, suggeriamo la morte all’indigeno che si impapera nelle barbarie e non vuole seguire il copione europeo.


359