Pagina:Marinetti - Teatro.djvu/363

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


quello strano appetito di suicidio che tormenta i ventenni robusti! Il formidabile piacere di piombo, che rotola allora giù dal cielo nero, li schiaccia e accartoccia... Come ha fatto la morte di quei due turchi davanti al marabuto... E tu, Applausi, quasi non mi riconoscevi!... (Una lunga pausa) Il capo arabo mi ha dato dei datteri avvelenati perché ve li venda. Se vuoi li dò al tuo compagno il caratterista, nostro antico nemico.

1° SENTINELLA

No, no, no, sei pazza! Non odio più il caratterista. Per fortuna non siamo più sul palcoscenico. Siamo in guerra. E’ tempo di essere buoni.

Sipario

362