Pagina:Marinetti - Teatro.djvu/438

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Simultanina

Infatti odio la povertà.

Lo Sportivo

Dicono che lei è all’orlo della disperazione... Dicono un’altra cosa che non posso ripetere.

Simultanina

balzando:

Capperi!

Mamma Blù

apparecchiando la tavola:

Vi dirò io chi è mia figlia!

Mette un paravento davanti alla tavola per togliere la vista del Mendicante accovacciato nell’Angolo dei Pezzenti.

Simultanina

Togli quel paravento che distrugge la desiderata simultaneità.

Mamma Blù

scuotendo il capo:

Ti accontenterò. Vedete, mia figlia è tutto cuore. Mille cose diverse in quel corpicino: cipria, libri, racchette, motocicletta, carità, pizzi, delicatezze, spavalderie. Fa tutto male. Quando vuole, sa fare bene. Vorrebbe avere figli, ma farà tutto per non averne. Ama il rimpianto, ma non ha il tempo di rimpiangere. Voi che amate lo sport, è la donna vostra. Gambe instancabili. Vi seguirà, anzi precederà su tutte le cime.


437