Pagina:Marinetti - Teatro.djvu/486

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


Prima signorina

rientra come un uragano urtando seggiole e persone e con collera grida:

Ventimila lire per quell’anello! E’ troppo! Ma lo voglio. Lo avrò, Paolo me lo pagherà.

Seconda signorina

rientra seguita da un negro vestito di nero:

Cara! (Alla prima signorina) Ti presento Roll Fuld celebre propagandista del rito metodista americano. Parlate, Roll! Fate sentire le vostre massime di saggezza.

Roll Fuld

con gesto solenne:

Figli di prostitute! (Agitazione e grida) Si! Figli di prostitute! Con queste parole fui accolto a New Work.

La normalissima

Dopo sono stata a Parigi amante di un cinese. Diplomatico! Aveva un cameriere col codino che mi piaceva. Il diplomatico ha finito per pescarmi col cameriere. Voleva uccidermi alla cinese! Mi sono vendicata dei suoi modi brutali con un boxeur delle Folies Bergères. Il mio vero amico è italiano. Brutto vecchio, ma ricchissimo. Un mercante di formaggi perbene. Mi adora! Ogni giorno un regalo!... Si chiama Bellonda. Quando ho lasciato Parigi, è stato per incontrarlo. Anche per vedere mia madre. Capitai male... di domenica. Mia madre aveva nelle braccia la nipotina di sei mesi. Brutta con tante croste sul viso. Entra la cameriera con una lettera. Mammà mi mette la pupa nelle mani e apre la lettera. 11 suo viso si oscura mentre brontola: «Lo