Pagina:Marinetti - Teatro.djvu/79

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Kabango

Stringi bene sul petto le pelli del Sinrun.

Bagamoio

Le ho già legate sulle mie costole. Sono quasi incastrate dentro. Dovrò poi lacerarmi la carne per consegnarle a tuo fratello. Vuoi che salvi anche Mabima?

Mabima

No, no, non voglio lasciarti, Kabango!

Bagamoio

Ascolta, Kabango... Posso, se vuoi, condurla con me. Se la fortuna sorride a me, sorriderà anche a lei. La nasconderò in un burrone dell’Uadi, e tornerò di notte a riprenderla.

Mabima

No! No! No! Kabango!

Bagamoio

I tamburi si avvicinano!

6 Ululatori e 6 Sibilatori.

Vedi!... Lassù, sulla cresta di quella duna, dove il sole sta per scomparire, c’è un formicolio di forme nere e vermiglie, che bolle come un mosto. Battono, battono sul loro infernale tamburo! Che vili! Vorrebbero adunare le tribù. Non si sentono sufficientemente numerosi. Certo, i muezzin predicano contro di te dall’alto dei minareti!

Kabango

assorto:

Questo rullo, è il rullo del Sole, tamburo infernale, eterno eccitatore e massacratore dei sogni sovrumani!

78